Altri progetti

Solo Due - Mauro Palmas & Riccardo Tesi

 

 

Solo Due - Tesi %26 Palmas

Riccardo Tesi, organetto diatonico
Mauro Palmas, mandola, liuto cantabile

Interpreti di due fondamentali strumenti della tradizione popolare mediterranea - l’organetto e la mandola - ma anche protagonisti della riscoperta e della rilettura che questa tradizione ha avuto nel corso degli ultimi trent’anni, Riccardo Tesi e Mauro Palmas mettono a frutto in questo duo la loro intesa, nata dalla comune collaborazione con Elena Ledda, cresciuta con la sonorizzazione del film muto Cainà di Gennaro Righelli (1922) e consolidatasi con il progetto “Acqua, foco e vento”.

Proprio il Mediterraneo è il protagonista della musica di questo progetto: il ricco intreccio delle culture che si affacciano sulle sue rive è il crogiolo dal quale - com’è loro costume - i due musicisti traggono ispirazione per la creazione di composizioni originali, che uniscono il lirismo con la festosità delle danze popolari, la malinconia offerta dalla tradizione della canzone con la gioia di vivere sprigionantesi dal ruolo sociale che la musica ha sempre avuto nella vita delle popolazioni mediterranee.

Nel rispetto della tradizione - che significa non mera conservazione, bensì originale rilettura alla luce della cultura contemporanea - e con l’aggiunta della personale creatività, Tesi e Palmas mettono a confronto i suoni dei loro splendidi strumenti, ma anche le loro stesse sensibilità, la loro esperienza, le molteplici suggestioni raccolte nel corso della loro lunga ed eclettica attività di musicisti.

Una formazione unica, dalla forte impronta poetica, che si avvale del forte legame che unisce i due artisti e che permette loro di trasmettere al pubblico - senza mediazioni e con il solo dialogo dei propri strumenti - la loro comune passione per la musica.


Mauro Palmas
Compositore, strumentista, ricercatore, nasce a Cagliari e inizia la carriera giovanissimo leader del gruppo di ricerca e recupero storico-critico della musica popolare “Nuova Generazione”. Nel 1977 fonda il gruppo Suonofficina che rivolge la sua attenzione alla musica sarda e mediterranea. Il suo interesse si rivolge allo studio dei ritmi del ballo creando una tecnica che gli permette di applicare il linguaggio delle antiche “nodas” delle launeddas sulla mandola. Nel 1979 l’incontro fondamentale con la cantante Elena Ledda con la quale condividerà scelte e progetti che sfoceranno in una intensa e fruttuosa attività concertistica e discografica (Ammentos, 1979, Sonos, 1989, Incanti, 1994, Maremannu, 2000, Amargura, 2005). Collaboratore di Maria, Carta Noa, Mauro Pagani, Paolo Fresu, Andrea Parodi, ma anche di Don Cherry, Lester Bowie, Gavino Murgia, Antonello Salis, Gabriele Mirabassi, Rita Marcotulli, Enrico Rava, vanta anche una ricca attività nell’ambito della musica di scena: tra i molti progetti, ha composto le musiche per i film Sonos ‘e Momoria, La Destinazione, Venti di Jazz, Nel Paese di Eleonora, Filo di Seta; per gli spettacoli di Massimo Carlotto (con Maurizio Camardi) Cristiani di Allah, Mare Chiuso, Cronache Italiane; per lo spettacolo di danza Etnika, con le coreografie di Mvula Sungani.

Riccardo Tesi
Compositore, strumentista, ricercatore: queste le anime della complessa e poliedrica personalità artistica di Riccardo Tesi, autentico pioniere dell’etnica in Italia e leader del gruppo Banditaliana. Dagli esordi decisamente folk nel 1978 al fianco di Caterina Bueno, alle odierne collaborazioni, la storia musicale del pistoiese Tesi vive di una preziosa continuità fatta di passione e di curiosità onnivore che dalla tradizione toscana lo ha accompagnato al confronto con quelle italiane, basche, inglesi, francesi e malgasce, con il jazz, il liscio e la canzone d’autore. Le esperienze musicali con il gruppo sardo-toscano Ritmia, il duo con Patrick Vaillant, lo spettacolo di canzoni occitane Anita, Anita ancora con Vaillant e Jean Marie Carlotti, il trio jazzistico col mandolinista nizzardo e Gianluigi Trovesi, il trio di organetti Trans Europe Diatonique con Kirkpatrick e Junkera hanno allargato i confini geografici e le frontiere musicali di Riccardo Tesi, insieme ad altre collaborazioni di grande prestigio come quella col malgascio Justin Valì, con la cantante sarda Elena Ledda, con l’arpista Vincenzo Zitello, con il jazz partenopeo di Maria Pia de Vito, col chitarrista flat-picking Beppe Gambetta, con l’etnojazz di Daniele Sepe, fino alla grande canzone d’autore italiana con Ivano Fossati, Fabrizio de Andrè, Ornella Vanoni, Gianmaria Testa, Giorgio Gaber.


 


Print



[credits] :: Matteo Magni :: web designer :: flash developerMatteo Magni | Studio ELIOCAPECCHI